Il Blog notizie del Comprensorio del Cuoio > > L'analisi della corsa, dei fantini e del mossiere. Chi sono stati i più bravi?

Random Banner from DB Example
Cerca
 

TREND DELLA SETTIMANA

Siamo spiacenti. Al momento non ci sono prodotti appartenenti a questa categoria.

Seguici su Facebook

L'analisi della corsa, dei fantini e del mossiere. Chi sono stati i più bravi?

 

lunedì 25 maggio 2015:
La Querciola ha stravinto con cappotto il palio di Fucecchio con Simone Mereu e Tavel Pontadour conquistando il quinto successo della propria storia. Una vittoria nella quale hanno creduto tutti, con passione e umiltà, primo fra tutti Mereu che ha vinto (su quattro presenze!!) il suo terzo palio nella Buca e secondo consecutivo per la Querciola. E sopratutto ha confermato di essere il fantino che meglio interpreta cavalli e pista grazie alla sua esperienza nelle corse in piano. Bravissimo anche il baio allenato da Adrian Topalli, Tavel Pontadour, che dopo aver mancato in due occasioni il traguardo, sapientemente guidato ha centrato in pieno l’obiettivo.

Quando uno vince non c’è spazio per gli altri. Eppure nell’indomani saranno in molti a recriminare su fantini, avversarie, mossa, mossiere, cavalli, ecc ma il verdetto è semplice: la Querciola ha oscurato completamente i favori del pronostico e quando si verifica questo, le colpe dei propri insuccessi si trovano in casa propria e non da altre parti.

ALTI e BASSI
Senza pagelle, ci sono troppi voti in rosso da mettere, professori non siamo e la domanda che alla fine ci poniamo è sempre la stessa: è più importante montare un nome o vincere il palio?!

Ci occuperemo solo di coloro che hanno fatto bene.

- Simone Mereu è stato bravissimo, eccellente. Fin dal primo giorno di prove ha lavorato in sordina concentrandosi sul cavallo. Ottima gestione, grande professionista. Impeccabile.

- Enrico Bruschelli potremmo usare le stesse parole usate per Mereu, non sarebbe esagerato. Ha fatto una grande figura, il suo compito non era da poco. L’accoppiata dell’avversaria (Atzeni e Narcisco) faceva paura ma il giovane fantino è stato freddo e determinato. In finale ha corso molto bene provando anche a conquistare la prima posizione poi molto coscientemente ha controllato ed infine ha fatto passare nei metri finali l’avversaria relegandola al secondo posto.

- Giosuè Carboni (chiamato solo per fare il Killer e questo doveva fare) è stato caparbio, tenace, coraggioso e ben foraggiato da qualcuno. Il compito era durissimo e da essere sottoposti a squalifiche e critiche durissime, ma ha fatto ciò che gli era stato chiesto (che piaccia o no questo e' il PALIO). L’avversaria Massarella (Zedde e Rijhaid) aveva un’accoppiata da brividi. Si è qualificato senza problemi (magari, unica critica, girando un po’ troppo largo) ed in finale si è concentrato sullo Zedde sopportando forti pressioni. Al momento della partenza riesce anche a scavalcarlo rendendo perfetto il suo palio. e come nelle migliori favole fugge da Fucecchio prima di finire i due giri. (ora siamo in attesa della squalifica che da nuovo regolamento punisce anche la contrada correa di atti del proprio fantino verso un avversario)

- Un po` sotto agli altri ma comunque meritevoli di una buona parola e di attenzione mettiamo Andrea Coghe, bravo a conquistare la finale e Valter Pusceddu che forse un pochino di più poteva fare.

La MOSSA: è stato un bel casino, ma nelle scorse edizioni c’è stato anche di peggio. Due coppie di rivali in finale: Torre che abbandonava il proprio posto per disturbare Massarella e Ferruzza sempre alta con Cappiano sempre di rincorsa. Dopo sei invalidamenti Bircolotti esausto ha ritenuto indispensabile il cambio di busta (l’ultima volta era successo per la prima batteria nel 2012) e per ironia della sorte poco è cambiato nella disposizione delle avversarie ma è stato sufficiente per dare una sveglia a tutti quanti ed infatti al primo tentativo la mossa è stata ritenuta valida dal mossiere. Mereu e Bruschelli sono partiti nettamente in testa seguiti da Pusceddu, Atzeni, Mari e Coghe. Mentre Zedde e Carboni sono restati fermi alla partenza.

La CORSA: I vincitori hanno sempre condotto e gestito senza problemi la corsa nonostante un buon ed insidioso attacco da parte di Cappiano che solo nei metri finali riprende il proprio cavallo facendosi superare dalla rivale.
Alle spalle di Mereu e Tavel arrivano nell’ordine Ferruzza (Atzeni), Cappiano (Bruschelli), Porta Raimonda (Mari), Sant’Andrea (Pusceddu) e San Pierino (Coghe). Torre (Carboni) e Massarella (Zedde) non hanno concluso la corsa.

ORDINE di ENTRATA (2 busta): Sant’Andrea (Pusceddu), Querciola (Mereu), Massarella (Zedde), Porta Raimonda (Mari), Torre (Carboni), Ferruzza (Atzeni), San Pierino (Coghe) e di rincorsa ancora Cappiano (Bruschelli).

NOTE: Le fasi della partenza durano 1 ora circa. Dopo sei partenze false il mossiere Bircolotti chiede la seconda busta. Tre richiami a Carboni.
Ordine di Entrata: Torre (Carboni), Porta Raimonda (Mari), San Pierino (Coghe), Querciola (Mereu), Massarella (Zedde), Sant’Andrea (Pusceddu), Ferruzza (Atzeni) e di rincorsa Cappiano (Bruschelli).

PRIMA BATTERIA di qualificazione: Borgonovo (Siri), San Pierino (Coghe), Querciola (Mereu), Ferruzza (Atzeni), Massarella (Zedde) e Botteghe (Murtas) di rincorsa.
Parte primo Zedde su Atzeni, Mereu, Murtas, Coghe e Siri. Mereu sorpassa Atzeni e nelle retrovie Coghe supera Murtas nelle ultime battute. Vince Massarella, davanti a Querciola, Ferruzza e San Pierino. Le prime quattro accedono alla finale, vengono eliminate le avversarie Borgonovo e Botteghe.


NOTE: Schieramento convulso per la presenza di due avversarie al primo posto e di rincorsa; un richiamo a Siri e due a Murtas; quattro partenze false; circa 45 minuti di mossa.


SECONDA BATTERIA di qualificazione: Porta Raimonda (Mari), Cappiano (Bruschelli), Samo (Ricceri), Porta Bernarda (Migheli), Torre (Carboni) e Sant’Andrea (Pusceddu) di rincorsa.
Bernarda si avvicina subito alla Raimonda ma la partenza pressoché immediata. In testa bella partenza del Bruschellino su Pusceddu e Migheli, dietro Mari, Ricceri e Carboni. Vince Nanneddu (scosso), su Torre (ottimo recupero), Cappiano e Sant’Andrea che hanno sempre ben gestito: queste quattro accedono alla finale. Porta Bernarda e Samo vengono eliminate.

NOTE: Partenza immediata. Cade Mari da Nanneddu (che vince la battteria) senza conseguenze. L’ultima volta che un cavallo scosso ha vinto la batteria ha poi anche vinto il palio (2008 Igor de Mores con Silvano Mulas in Porta Bernarda).





fonte: profilo Facebook Palio

Random Banner from DB Example

questa notizia e' stata letta 3692 volte

COMMENTA LA NOTIZIA

 

 

Nuova pagina 1
 

         

Blog:

Prima Pagina Blog
Tutte le Notizie
Palio di Fucecchio
Cronaca Locale
Fucecchio Calcio

Foto:

2017
2016
2015
2014
2013
2012

VIDEO:

Ultimo Video
Il Palio di Fucecchio
Tg Palio
Mago Ciampa
Torneo delle Contrade
Tutti i Video

SERVIZI:

Pagine Fan Facebook
Loghi Aziendali
Servizi Fotografici
 
 

Seguici:

Pagina Fan
Gruppo Facebook
Profilo Twitter
Canale Youtube
Contatti
 

Blog Personale di Alfredo Sabatini e Alessio Rosati

Termini e condizioni Blog | Cookie Policy di 0571foto.com

 

3693
I risultati del girone eliminatorio

Siamo spiacenti.Dati non disponibili.